La teoria psicosessuale dello sviluppo della personalità di Sigmund Freud

Teoria psicosessuale di Sigmund Freud

Teoria psicosessuale di Sigmund Freud

Sigmund Freud sostenne che lo sviluppo   psicologico infantile avviene in una serie  di stadi ben precisi che chiamò stadi psicosessuali perché ogni stadio rappresenta la fissazione della libido (intesa come impulsi sessuali o istinti) in differenti aree del corpo. Mentre la persona cresce fisicamente, alcune aree del suo corpo diventano importanti fonti di potenziali frustrazioni, di piacere o di entrambe: le zone erogene.

STADIO ORALE: è il primo stadio dello sviluppo dove la libido è centrata nella bocca del bambino/a e nelle sue richieste. Egli/ella per soddisfare la libido, trova molta soddisfazione nel mettere in bocca tutti i tipi di oggetti. A questo stadio della vita, mentre allatta al seno, è orientato dall’oralità e dalla sua bocca: succhia, morde, ecc.

STADIO ANALE: la libido ora viene focalizzata all’ano ed il bambino/a prova molto piacere nella defecazione. Inoltre, è pienamente consapevole che c’è una persona (la madre) dalla sua parte e che i loro desideri possono metterlo in conflitto con le richieste del mondo esterno.

STADIO FALLICO: la sensibilità del bambino ora è concentrata nei suoi genitali. Egli diventa consapevole delle differenze anatomiche dei sessi e, alla vista dei genitali femminili, teme che si sia verificata una castrazione come punizione per la manifestazione dei suoi desideri (cfr. S. Freud – complesso di Edipo e complesso di Elettra)

In questo stadio il processo di identificazione porta il bambino/a ad adottare le caratteristiche che vede nel genitore dello stesso sesso.

STADIO DI LATENZA: durante questo stadio non appare nessun ulteriore sviluppo psicosessuale. Freud pensa che molti impulsi sessuali durante questo stadio siano repressi e l’energia sessuale sublimata attraverso i compiti scolastici, gli hobby e l’amicizia.

STADIO GENITALE: l’ultimo stadio della teoria psicosessuale di Freud sullo sviluppo della personalità coincide con l’inizio della pubertà. E’ il tempo delle sperimentazioni sessuali dell’adolescente, risolte con successo quando egli/ella entra in una relazione d’amore a due (intorno ai 20 anni).

L’istinto sessuale è diretto soprattutto al piacere eterosessuale piuttosto che all’autoerotismo dello stadio fallico.

– – – – – – – –

Sintesi dalle Opere di S. Freud: Tre saggi sulla teoria sessuale (1905); Le mie opinioni sul ruolo della sessualità nell’etiologia delle nevrosi (1906); Teorie sessuali dei bambini (1908)

Annunci

Blog Stats

  • 60,480 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: