Racconto di alcune sedute di psicoterapia: elaborando un lutto

di Maria Grazia Letizia  

(Luglio-ottobre 1996)

Nell'acqua salata

La mia ipotesi sulla salvezza è che essa non sia una via a senso unico o giocata su una sola dimensione. Può essere considerata come un avvenimento, una condizione in cui per salvarsi bisogna fermarsi, come in una stazione ed attendere.

Certo, sei nero/a dentro! Ma anche ti senti come se fossi di plastica e senti il vuoto, il nulla che ti avvolge e ti lega da testa a piedi come sarebbe con una grossa fune.

Divieni stremato dalla fatica di stare ed essere nel nulla e presto sei immerso in un bagno di lacrime, di acqua salata. Liberarti è veramente arduo!

Tuttavia  “(…) esso [il sale] rappresenta il principio femminile di Eros, che mette tutto in relazione [..] Accanto al suo umidore lunare e alla sua natura terrestre, le proprietà più evidenti del sale sono il sapore Amaro e la Saggezza.

Il sale in quanto portatore di questa fatale alternativa, è coordinato con la natura della donna.[..]Una conferma della nostra interpretazione del sale come Eros (cioè come rapporto di sentimento) è data dal fatto che il sapore amaro è l’origine dei colori” (cit. Carl Gustav Jung, Opere)

E così, è chiaro perché, a poco a poco, la tua sensibilità ti sarà restituita dagli odori e dagli aromi prima pungenti, amari e speziati poi, a scala, verso la dolcezza (aromaterapia).

E cammini e vivi come hai sempre fatto, ma questo richiede più forza: con lo stesso passo, la stessa voce, lo stesso sguardo … ma ti devi impegnare affinché non si veda (o quasi) la differenza!

Ma no, non è più lo stesso! La vita non può essere trascinata con una forzatura, una finzione, una forma per gli altri. Chiaro che ogni regola è messa in discussione e deve misurarsi con questa dimensione.

Le regole sono per l’uomo e la sua vita, oppure la vita e l’uomo per le regole?

Fermati e ascolta!

Poi, dalla pelle ed attraverso di essa, ti salvano le sensazioni: il calore del contatto fisico, umano e sensuale , dove trovi ristoro,  e recuperi energia allo stato puro. Poi, i colori, ma prima i suoni e ti salva la musica che è solo tua perché la componi improvvisando o ricercandola liberamente, accostando le melodie esterne compatibili con lo stato interiore! (musicoterapia)

Ora che hai ri-scoperto le emozioni, il nero che hai dentro, si può trasformare, con il rosso del tuo stesso sangue, in marrone e poi con gli altri umori ricomponi  la scala cromatica, dall’arancio, fino al verde, al blu,  al giallo, ecc.. (cromoterapia)

Se non hai allucinazioni, a volte arrivano pensieri e sogni allucinanti, con immagini da fotografare e filmare per sempre nella memoria. E, di nuovo, si colora il tuo sguardo sul mondo … e scopri che sei innamorato/a già da un po’ e sembra impossibile. Un’ amore impossibile, imprevisto, un dono caduto dal cielo. Ora puoi scrivere i tuoi sogni (prosa o poesia) in un diario e leggere ogni libro a cui puoi accostarti.

I miei diari

Eros ripara sempre quello che Thanatos  distrugge!

Ma in tutto questo processo non vai avanti da solo/a: tutto ciò sarebbe impossibile! Sei guidato/a dall’interno e vai avanti, cammini senza tabelle di marcia, seguendo immancabilmente l’intuito. Accenni tentativi, movimenti, risposte, spostamenti. Ti ribelli, accetti, cadi, piangi, ti disperi, urli. Poi ti rialzi e cammini, sei qualche passo più avanti ma anche più in alto. E ancora, ancora e ancora!

Ed ecco che ritrovi il tuo spirito, l’umorismo e l’ironia che a poco a poco allenta la stretta della fune che ti avvolge. Sei sopravvissuto e ti puoi permettere le sfide e le provocazioni. Respiri e vivi con una tale energia di fuoco che potresti dire: “se incontrassi il diavolo gli chiederei se vuole accendere!!”, ma anche incontrando per strada un gatto nero: “Altolà, bello! Se attraversi la mia strada vai giù stecchito sul colpo!” Così, riscopri il puro gioco, il divertimento e le risate di fronte ai fatti assurdi e paradossali che emergono nella vita quotidiana.

Già non piangi più, sei fuori dal bagno di lacrime, all’asciutto, ferma a quella stazione ed aspetti ma non sai cosa, infatti aspetti “qualcuno” ma non lo sai ancora!

Sembrava l’uscita dal tunnel ma un giorno il tuo corpo improvvisamente sembra andare in mille pezzi e pensi “ecco questa è la pazzia!”, puoi quasi contarne le parti che … a sorpresa, già respiri meglio, finisci di tremare e ti senti tutto/a intero/a come non mai.

La fune, ormai asciutta, a cui ti eri abituato/a e che non sentivi più, ecco che si è srotolata ai tuoi piedi e ti liberi come da  “un cordone ombelicale”.

Ora  dalla terra, attraverso i piedi e le gambe, riprendi nuova energia che nutre e riempie il tuo corpo e ti muovi e senti che quel qualcuno che aspettavi sei proprio tu che puoi ancora vivere con pienezza la tua vita.

percorso

Madreblu – La vera entità

Annunci

Blog Stats

  • 71.171 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: